A2 donne In primo piano

VelcoFin, c’è Chimenti. Chi-mente su Corno?

Immagine

La VelcoFin ha ufficializzato con un scarno comunicato stampa (leggi qui) l’arrivo del nuovo coach, l’ex di Ferrara Jonata Chimenti.
Una nota nella quale non compare nessun riferimento sulla conclusione del rapporto con Aldo Corno, mai ufficializzato nelle scorse settimane dopo l’addio annunciato dallo stesso plurititolato coach in un’intervista a Il Giornale di Vicenza.
Non è stato diffuso, come consuetudine, nessun ringraziamento ufficiale della società per il lavoro svolto in questi due anni, dopo la sua “scelta di cuore” e l’eclatante ritorno nella città dove aveva dominato l’Europa negli anni ’80.
Questa volta, però, Corno non è riuscito a portare la squadra in A1, un fallimento per quell’obiettivo promozione cercato da anni in tutte le maniere dalla coppia dirigenziale Bedin-Dalla Chiara, indipendentemente dalle risorse finanziare che sembrano scarseggiare per il massimo campionato, per mettere a tacere soprattutto le diverse voci nell’ambiente cestistico vicentino che bollano entrambi come incapaci a livello sportivo.
In estate la VelcoFin aveva dato campo libero all’ex coach anche nella costruzione della squadra, tanto da assegnarli ufficialmente (qui il comunicato) anche un ruolo dirigenziale, tanto agognato dallo stesso Corno dopo una lunga carriera di “campo”, quello di direttore tecnico.
I risultati si sono visti, con un colpo di mercato dietro l’altro annunciato la scorsa estate, fino alla ciliegina della nazionale slovena Tina Jakovina.
La squadra durante la stagione ha mantenuto le attese. Fino a quei beffardi finali di partita contro Bologna: una scellerata gestione nell’ultimo giro di lancette che ha consegnato la vittoria alle avversarie. Un calcio al secchio del latte riempito a fatica dopo mesi di duro lavoro. E qualcosa evidentemente si è rotto.
Dopo gara 3 di semifinale qualche strascico è rimasto tra la società e il coach-dt romano.
Un “groppone” bloccato in gola che ha lasciato l’amaro in bocca e “silenziato” anche sito ufficiale, social network e comunicati stampa, fermi alla penultima sfida con Bologna, vinta.
Poi stop, più nulla. Forse l’addetto stampa Francesco Forestan, avvistato le scorse settimane in Rep. Ceca al seguito della Nazionale donne come dirigente addetto ai materiali, è stato troppo impegnato…
Fino all’annuncio del nuovo coach Chimenti.
Gli indizi sul mistero della rottura portano a una decisione maturata da Corno. Prima il coach romano ha fatto sapere al GdV che se arriverà una chiamata interessante per allenare un’altra squadra la accetterebbe. Poi il gm Mario Bedin ha detto che le porte sono sempre aperte per un posto da dt a Corno, ma non si capisce allora perchè non lo siano rimaste anche per la prossima stagione, visto che lo era già… E il suo voler ribadire più volte sul giornale che società e coach “si sono lasciati in buoni rapporti” fa sorgere ulteriori dubbi su “chi-mente”.
Ora c’è Chimenti, e l’addio di Corno è perciò ufficiale, sia alla panchina che alla “scrivania”. E il dato di fatto è che da quando l’AS Vicenza è tornata in A2 sotto la guida del gm Bedin gli allenatori sono durati al massimo due anni: un via vai a livelli “interisti” che non ha lasciato spazio a progetti di lungo termine, come ad esempio quelli vincenti di Venezia e Trento al massimo livello maschile.
Per la pallacanestro femminile vicentina il ritorno ad un ruolo primario sulla scena cestistica nazionale appare sempre più lontano.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: