A1 donne A2 donne Fip In primo piano Minors Serie B

Flavio Marelli: “unire le forze per il nuovo palasport”

palaGoldoni

Nel dibattito sul futuro del basket vicentino interviene, in riferimento al nostro articolo su Anthea e il successivo intervento di Antonio Buglione, Flavio Marelli, presidente della società di società di brokeraggio assicurativo da anni impegnata a investire nello sport, non solo quello locale ma anche a livello nazionale. Un’autorevole e interessante analisi, utile anch’essa per cercare di migliorare il movimento cestistico berico e tutto lo sport vicentino.

Marelli lancia anche una proposta ambiziosa, ma vitale per il futuro sportivo ad alto livello della città. Un sogno, quello di una nuova casa per le discipline al coperto cittadine, che ancora fa digrignare i denti ai tifosi che sul finire degli anni ’90 hanno assistito alla triste parabola del palatenda stile circo allestito ai Pomari per la stagione della Pallacanestro Vicenza in serie A2. Ancora oggi Vicenza è l’unico capoluogo del Veneto a non avere un palazzo dello sport da almeno tremila posti…

Con l’arrivo della campagna elettorale per le elezioni comunali del prossimo anno la possibilità di un nuovo palazzetto potrebbe diventare argomento di discussione, anche se spesso le promesse elettorali diventano carta per fare… canestro nel cestino.

Per ora al messaggio lanciato da Marelli può rispondere solo l’assessore allo sport di Vicenza, Umberto Nicolai

Nel frattempo ecco le parole del presidente di Anthea:

Cari Amici,

innanzitutto ci tengo a ringraziarVi per l’ottimo lavoro. Ho letto l’intervento dell’amico Buglione e ci tengo a precisare qualche concetto.

Antonio ha colto perfettamente nel segno. Un imprenditore come me però ritengo che debba limitarsi a dare energia e risorse a nuovi progetti e soprattutto tentare di fornire una nuova visione per nuove iniziative sportive. Il tutto deve fondersi in progetti la cui parte gestionale e sportiva deve essere amministrata e sviluppata da persone marelli (2)sicuramente competenti. La miscela giusta è quindi: imprenditorialità, managerialità, competenze sportive e, come sempre, quel pizzico di sana follia che muove ognuno di noi ogni qualvolta intende intraprendere nuove avventure. Poi viene la passione che, come giustamente dice Antonio, oggi non può più essere preponderante sul resto. Ricordo ad Antonio che tutto questo sta già accadendo a Vicenza, nel Volley femminile con il progetto Anthea Volley Vicenza. Il mio accenno al Basket in una uscita pubblica di qualche settimana fa è stato forse un po’ prematuro però credo fermamente che se Volley Vicenza avrà avuto successo, anche presso altri sport potremo esportare quel modello e il Basket mi è sembrato oggi la più logica evoluzione, vista anche la necessità di unire le forze per iniziare a pensare ad una nuova casa, ad un nuovo palazzetto dello Sport per Vicenza.

Un caro saluto,

Flavio Marelli

(nella foto grande l’ingresso principale del vecchio palaGoldoni, con il suo laborioso impianto di riscaldamento sul tetto… ndr)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: