In primo piano Serie B

Marco Silvestrucci, l’allenatore col “badante”

È così da quando la coppia salvatrice è tornata a metà del campionato scorso. All’inizio di questa stagione l’episodio si è ripetuto in più di qualche partita, ma nell’ultima gara contro Forlì tutto il palaGoldoni avrà notato alzarsi in piedi una decina di volte dagli spalti dietro la panchina Marco Sinicato, che in società figura come preparatore atletico, ma in realtà è il braccio destro del ds Lino Mascellaro, per dare indicazioni a coach Marco Silvestrucci, il quale senza palesare troppo entusiasmo ha subito eseguito gli ordini esterni su giocatori da mettere in campo, schemi e difese da adottare. Che tra l’altro hanno portato ad una cocente sconfitta, nonostante i giocatori forti per vincere ci fossero.

Un comportamento ovviamente notato anche dai giocatori, tanto che i più esperti durante i time-out spiegano come giocare ai compagni. Senza una guida forte, durante gli allenamenti si rischia anche di cadere in modo più frequente in liti tra i giocatori, come già avvenuto poche settimane fa. Il giorno dopo la partita con Forlì, Sinicato durante tutto il primo tempo della sfida di Promozione con gli under 18 di Giugni al palaGoldoni, è rimasto seduto a fianco di Silvestrucci sugli spalti, per poi sedersi da un’altra parte nella seconda metà di gioco. L’avrà di nuovo “catechizzato”?

Il coach “col badante” della Tramarossa appare sempre più delegittimato. Il problema per la società è che non c’è pronto un sostituto, anche per una questione di risorse economiche risicate. In più sul giornale locale, come era abitudine, non compare più la breve intervista al coach nel dopogara e l’ufficio stampa della società negli ultimi tempi sta raccogliendo sole le parole dei giocatori. Non è autorizzato a parlare? Nonostante una situazione del genere Silvestrucci non ha intenzione di azzardare le dimissioni, rischiando di perdere anche il suo ruolo, apprezzato da tutti, come allenatore delle giovanili.

Nelle prossime settimane, però, in casa Vicenza stanno bollendo in pentola novità importanti, tra infortuni misteriosi e badanti durante le partite. Soprattutto per l’ego di alcuni dirigenti.

Ma lo sarà anche per il bene del basket a Vicenza?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: