Serie B

Tramarossa “azzanna” la bestia nera Orzinuovi

Aggiornamento. Una vittoria da grande squadra sul campo dell’ambiziosa Orzinuovi, 64-69 dopo essere stati sopra anche di 15 punti (anche se con solito calo e brivido finale). Le parole del ds avversario ed ex giocatore Alessandro Muzio incoronano Vicenza: “ha dimostrato di essere veramente organizzata e forte”. Il tabellino dei biancorossi di coach Venezia: Quartieri 7, Kedzo, Demartini 14, Montanari 5, Corral 21, Crosato, Campiello U. 9, Contrino, Conte 8, Campiello A. 5.

Domenica alle ore 18 la Tramarossa Vicenza farà visita all’Agribertocchi Orzinuovi per la quinta giornata di campionato – è scritto nel comunicato di presentazione – I biancorossi sono reduci da due vittorie consecutive, contro Desio e Olginate, che avevano issato la squadra fino in seconda posizione. Il recupero di mercoledì però, tra Tigers Cesena e Gimar Lecco, ha visto vincenti i romagnoli, che adesso hanno agganciato Faenza in testa alla classifica, lasciando la Tramarossa da sola al terzo posto. Per consolidare il piazzamento e tenersi a ridosso delle prime della classe, Vicenza avrà un difficile compito domenica: quello di battere Orzinuovi, formazione giovane ma molto interessante, che dopo la retrocessione dall’A2 della passata stagione ha deciso di affidarsi ai giovani per una ricostruzione “green”. Vicenza dovrà sfatare il suo personale tabù contro i lombardi: nei sei precedenti (quattro nella stagione 2015-16, due in quella successiva), i biancorossi non hanno mai vinto. Servirà una prestazione convincente per aver la meglio su un’avversaria tosta e ben preparata.

LA PROSSIMA AVVERSARIA: AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI

Allenata da coach Stefano Salieri, allenatore espertissimo nel far crescere i giovani (non a caso, l’anno scorso era sulla panchina di Crema, che giunse quarta con una rosa giovanissima), Orzinuovi è reduce dalla retrocessione in A2, in cui ha militato per una sola stagione, dopo aver centrato la promozione nel 2017 e tante stagioni di tentativi.

In questo avvio, l’Agribertocchi è stata la seconda squadra più prolifica del campionato (più di 80 segnati a partita), con percentuali molto alte (54% da due e 32% da tre). È una squadra che difende duramente il ferro (quasi 3 stoppate a incontro, migliore del campionato), molto precisa (perde meno di 11 palloni a sfida), aggressiva nei recuperi (9 palle rubate ad incontro) e che fa girare bene la palla (circa 17 le assistenze smazzate ad ogni incontro). I bresciani se la cavano anche in difesa, dove subiscono circa 72 punti a partita e incassano con percentuali medio-basse (45% da due e 31% da tre). Orzinuovi però è attaccabile in fase di rimbalzo, visto che ne concede 39 ad incontro (contro i 37 raccolti), dei quali 12 sono offensivi.

Finora il miglior realizzatore avversario è stato Mirco Turel, guardia classe 1994 che ha viaggiato a 15 punti di media a partita in queste prime cinque giornate. Giocatore che ama tirare da tre (quasi 8 tentativi a partita), non bisogna farsi ingannare dall’ancora giovane età: ha alle spalle tanti anni di A2. Con lui nel backcourt ci sono il playmaker Tommaso Bianchi, giocatore abile al tiro pesante (50% da tre) e ottimo passatore (5 assist ad allacciata di scarpe), un altro tiratore come Michele Peroni e il playmaker di riserva Andrea Tassinari. A fare la parte del leone sotto le plance troviamo il centro Lorenzo Galmarini (oltre 10 punti e 7 rimbalzi di media ), supportato da un giocatore importante come Giacomo Siberna (13 punti con il 60% da due in questo avvio di stagione), un altro esterno in doppia cifra di media come Marco Timperi e un buon subentro come Lorenzo Varaschin.

In fondo alla rotazione, un gradito ex biancorosso: Lazar Kekovic, che quest’anno si è aggregato alla compagine bresciana dove per ora non ha trovato tantissimo spazio (ed è già in cerca di una nuova sistemazione, in accordo con la società ndr).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: