A1 donne Fip In primo piano

Famila sbarca nel basket maschile? A Roma

marcello cestaro

L’accordo non è ancora ufficiale, ma il marchio Famila è vicino ad essere il nuovo sponsor principale sulle maglie della Virtus Roma, la storica squadra di basket maschile campione d’Italia e d’Europa negli anni ’80, oggi scesa da qualche anno in serie A2. Partnership sempre più vicina dopo l’incarico di nuovo direttore generale del club affidato a Paolo Ronci, l’ex team manager del Padova Calcio ai tempi di Marcello Cestaro e del suo primo grande “sbarco” nello sport maschile. Un’esperienza conclusa dopo diverse polemiche, per l’approccio del vulcanico Cestaro al mondo del calcio e per gli interessi commerciali extra sportivi dietro l’operazione.

Interessi che stanno alla base anche dello “sbarco” romano: il gruppo Selex, al quale è associata la Unicomm di Cestaro che controlla il marchio Famila, finora gestisce nell’area laziale solo l’ipermercato “Super Elite” a Pomezia. L’intento è quello di espandere la catena di supermercati Famila anche nel centro Italia, un marchio che ha registrato nel 2016 una crescita superiore al 3% rispetto l’anno precedente e fa parte del terzo gruppo italiano della distribuzione, di cui Cestaro è vicepresidente, con un fatturato di oltre 10 miliardi di euro all’anno (quelli di Unicomm arrivano a 2 miliardi).

Con l’ingresso nella pallacanestro maschile romana, che vuole tornare al più presto nell’elite del basket italiano ed europeo, all’orizzonte si prospetta un minor impegno di Cestaro per il basket femminile, un movimento da anni in difficoltà di appeal mediatico e di appassionati, tranne i recenti sussulti per la Nazionale e la “Zandamania”.

Gli appassionati vicentini avrebbero preferito che si dedicasse al basket maschile locale, ma l’ottantenne imprenditore vicentino vuole tornare a pensare in grande.

Grande come la “Bellezza” (e le opportunità) della città Eterna.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: