Serie B

Febbre da derby, sabato sera al palaGoldoni arriva la Virtus (dell’ex Crosato): c’è da mantenere l’imbattibilità

Un derby in completo da sera per la Tramarossa Vicenza – è scritto nel comunicato di presentazione – che questo weekend dovrà indossare i suoi abiti migliori e scendere in campo per il derby contro la Virtus Padova, che avrà luogo di sabato sera alle 20:30 anziché, come da consuetudine, domenica alle 18. È un buon momento per i vicentini, che arrivano al derby reduci da tre successi consecutivi, l’ultimo conseguito sul difficile parquet di Orzinuovi, una delle formazioni più quotate del campionato. La vittoria in terra bresciana ha permesso alla Tramarossa di agganciare Cesena al secondo posto della classifica e di tenere il passo della capolista Faenza, confermando ancora di più come Vicenza possa essere una squadra di vertice anche quest’anno.

Il match di sabato sera può essere quindi un tassello in più per la stagione in corso: un successo permetterebbe ai biancorossi di mantenersi nelle primissime posizioni della classifica e mettere pressione su Faenza, che giocherà invece domenica alle 18 contro Desio. Non da poco il fatto poi che lo scontro con i romagnoli si giocherà al Palazzetto dello Sport Città di Vicenza (il palaGoldoni ndr) già la settimana prossima, cosa che rende la vittoria ancora più indispensabile.

Servirà comunque una grande partita e una grande Tramarossa sabato sera: la Virtus Padova è reduce da un bel successo contro Lecco e si sta piano piano affermando come una realtà solida e difficile da affrontare per tutti. Si preannuncia una sfida intensa e una grande serata, in cui Vicenza dovrà dare tutta se stessa per portare a casa i due punti.

Tramarossa Vicenza e Virtus Padova si affrontano quest’anno per la quinta stagione consecutiva: quattro di serie B e una di Serie C, nell’anno in cui entrambe le compagini vennero promosse in categoria. In partite ufficiali, nessuna delle due negli otto precedenti è riuscita ad avere la meglio sull’altra a domicilio: Vicenza è imbattuta nel capoluogo berico, Padova non ha mai perso all’ombra degli Euganei. In classifica le due squadre sono separate da quattro punti, ma i patavini sono reduci da un buonissimo successo in casa contro Lecco, una formazione quotata e che ambisce alle prime posizioni della classifica. Con la vittoria contro i lombardi la Virtus ha ottenuto il terzo successo del campionato, controbilanciando le altrettante sconfitte subite.

Il roster patavino è cambiato molto quest’estate: oltre ad Enrico Crosato, ora in biancorosso, sono andati via quasi tutti i giocatori che in questi anni il pubblico vicentino si era abituato a vedere vestire i colori dei rivali nei derby, visto che Claudio Nobile, JC Canelo e Marco Lazzaro hanno tutti cambiato casacca nel corso dell’ultima estate. Confermato Daniele Rubini in panchina, comunque Padova ha tenuto alcuni giocatori per il nuovo corso, in primis il playmaker Andrea Piazza, che sta registrando ottime cifre in questo avvio di stagione: 10 punti, 6 rimbalzi, 4 assist, 2 palle rubate e il 38% da tre. È rimasto anche l’esterno Federico Schiavon, giocatore di sostanza che Vicenza ha imparato a non sottovalutare, a dispetto di cifre non invidiabili. Gli over arrivati in sostituzione dei vecchi sono comunque di ottimo livello per la serie B: sotto le plance il duo Ferrari-Filippini sta facendo sfracelli, visto che entrambi viaggiano a circa 15 punti di media, 7 rimbalzi e più del 60% al tiro. Alle loro spalle, pronti a subentrare, i giovani Bovo e Basso, che scalpitano alle spalle dei due titolari. La qualità non manca nemmeno negli esterni: Matteo Motta è un veterano della categoria e ha iniziato la stagione segnando 11 punti a partita con il 37% da tre; Francesco De Nicolao, altro playmaker e secondo dei tre fratelli, sta facendo un’ottima stagione, in doppia cifra di media e con 5 assist a referto di media a partita.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: