A2 donne

Quanto Costa, Vicenza a terra

La bestia nera Costa Masnaga domina la partita dall’inizio e infligge un brusco stop alle ambizioni di Vicenza. Non basta la solita Brcaninovic da 18 punti (ma con 4/15 al tiro). Le biancorosse fin qui imbattute nella serata di sabato subiscono un brusco stop per 74-61.

(qui box score)

Di seguito la cronaca della VelcoFin Vicenza:

Che, prima o dopo, sarebbe arrivata era cosa risaputa. E meglio che sia giunta per mano di una squadra dichiaratamente in corsa per la promozione e nella serata che costringe Zanetti al riposo forzato, complice la distorsione alla caviglia destra rimediata nell’ultima interna con Selargius. Peccato che Costa abbia vinto certo non sudando le proverbiali sette camicie: VelcoFin ci ha messo del suo con un campionario di disattenzioni difensive, accompagnate da scelte in attacco non sempre lucide soprattutto nei momenti in cui le mani solitamente educate di Brcaninovic, sempre più marcata di fisico, faticavano a trovare la via del canestro. B&P guadagna con merito i due punti, le biancorosse – che certo non possono affliggersi per un passo falso che giunge dopo cinque successi consecutivi – dovranno comunque rivedere alcune scelte nella propria metà campo e avere coinvolgimento maggiore nella distribuzione delle responsabilità in attacco.

1° periodo – Quintetto abbondantemente scritto per coach Chimenti, con la sola eccezione di Martina Destro chiamata sul legno per Zanetti, nulla di strano neppure in casa B&P, con Baldelli e Del Pero sul perimetro, Rulli e Visconti ad attaccare l’area e il totem Mahlknecht a presidiare i tabelloni. Per 1’30” regnano gli errori, poi Brcaninovic attacca dal palleggio Mahlknecht, infila i primi due e, sull’and1 sbagliato, il rimbalzo di Ferri le regala il tiro aperto dello 0-4 (2′). Costa spreca a go go in avvio, Velcofin richiama M. Destro per Stoppa, al sottomano rovesciato di Ferri risponde Rulli prima che Santarelli bruci la retina col tracciante del 4-9 (6′). In un amen Rulli e Longoni riportano l’equilibrio (9-9, 7′), ancora l’ispirata Longoni punisce dall’arco (9-12): Monaco e Mingardo trovano minuti sul legno, il capitano biancorosso più Stoppa (1/2 dalla linea) firmano il 12 pari. L’antisportivo di Monaco regala a Longoni l’1/2, la virata di Balossi dopo rimessa ascrive a referto il 15-12 (9′), prima che Mingardo sfrutti bene la linea di fondo e rebus Longoni, più Del Pero dai 6.75, aprano la forbice masnaghese (20-14, 10′). La frazione va in archivio con lo “schiacciato” di Del Pero che trova Rulli sola nel pitturato.

2° periodo – Del Pero dall’arco e B&P sale a +9 (27-18, 2′), poi è Baldelli, dimenticata sotto il ferro, a depositare il 29-18 del 4′: adesso l’attacco biancorosso è asfittico e, sull’altro lato del campo, le disattenzioni si rincorrono, ringrazia Rulli che guadagna il fondo per il 31-18 a 6’01” dall’intervallo lungo e immediato timeout delle viaggianti. Il ritorno sul parquet della bosniaca, fisicamente ben contenuta da Visconti, non porta frutti immediati alla causa VelcoFin, contribuisce – eccome – a quella lombarda il siluro che Baldelli sgancia da sette metri (34-19, 6′). Vicenza torna a -10 (36-26, 8′) con Brcaninoic dall’arco dopo i due punti di Pizzolato dal mezzo angolo e lima ancora qualcosina col trepunti di Monaco (38-29, 9′): ma è l’irrefrenabile Longoni a colpire dall’arco e ricacciare le ospiti a -14 (43-29, 9′), complice un altro pasticcio difensivo di Ferri &C che faticano a ritrovarsi negli adattamenti. Dall’angolo M. Destro (tripla) e dalla linea della carità Brcaninovic (2/2) ridanno fiato alle speranze di Vicenza (43-34, 10′), altri due liberi di Melisa (44-36) mandano le squadre al riposo lungo. Che VelcoFin dovrà utilizzare per rasserenare cuori e menti e giocare una gara che, a dispetto dei tanti errori, sembra ancora aperta.

3° periodo – VelcoFin riparte con lo starting five e Brcaninovic mette il -6 (44-38, 1′) con arresto e tiro nel pitturato, le due triple di Rulli e Visconti – tabella – innalzano Costa al +12 (52-40, 2′): Il team di coach Chimenti inanella uno 0/5 dal campo, Mahlknecht scrive +15 con l’1/2 del 5′, la bomba targata Del Pero spinge Vicenza nel baratro del -18 (58-40) solo pochi secondi più tardi e prima che Brcaninovic firmi il 58-44 del 6′ dalla linea. Di nuovo Del Pero dall’arco (61-44) per riaffermare la supremazia di casa, Longoni, sola sul ribaltamento di lato, imbuca dai 6.75 il +20 (64-44, 7′) e per VelcoFin la notte si fa davvero scura. Zone-press e match-up forzano due perse B&P, di là ci sono il lay-up sbagliato di Mingardo e il buon drive di F. Destro per il -17 (64-47).

4° periodo – Dentro Santarelli e Stoppa – per Mingardo e Pizzolato – prima che Brcaninovic metta un solo libero (64-50, 3′), VelcoFin non molla ma non capitalizza, cosa che, invece, fa Rulli col 2/2 del 5′ per il 66-50. Il tempo per il tecnico fischiato a coach Chimenti (7′), per il libero di Rulli e il canestro di Mahlknech da rimessa e Costa vola sul 71-50 che non lascia spazio a repliche di sorta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: