A2 donne In primo piano

Vicenza sconfitta da Udine, ma applausi per le giovani rampanti beriche

La “bestia nera” delle beriche Debora Vincenzotti ancora una volta ha azzannato Vicenza con 17 punti, frutto di un 7/12 dal campo e un 3/4 dall’arco. Ma VelcoFin ha disputato una gara avvincente e combattuta, riuscendo con un’esemplare difesa a bloccare la temutissima Vente, capocannoniere ferma a 6 punti lei che è abituata a 18 punti ad allacciata di scarpe.

Alla fine applausi meritati per tutte le giovani rampanti di Vicenza, ma soprattutto per la 19enne Laura Meroni che non si è mai allenata in settimana per un forte mal di schiena e giovedì per il dolore piangeva in panca. Nella partita, rimessa in piedi per merito del massaggiatore Sergio Pressanto e dei medici, ha sputato sangue, stretto i denti da vero leader trascinatore della squadra. Il suo primo tempo è da incorniciare, nel secondo fatalmente il suo rendimento è calato, ma la generosità come quella delle compagne non è mai venuta meno.

Il primo tempo è stato molto equilibrato (15/18 al primo quarto, 38/40 alla fine). Delser ha prevalso soprattutto in virtù di un 7/13 nei tiri da tre, cosa rara sui nostri campi. La ripresa del gioco si apre con un canestro da tre di Kolar e quindi il vantaggio vicentino per 41/40.

Ma poi si verifica la causa principale della sconfitta: le beriche perdono la via del canestro realizzando solo 6 punti e Udine si invola a +10. Grossa recriminazione al 9°. Profaiser sul 44-51 segna in entrata, l’arbitro fischia. Canestro da due più tiro libero? No, l’arbitro indica sfondamento ed invece che trovarci a meno 4, sull’azione successiva Ceccarelli con una bomba da tre riporta Udine a più 10.

Nell’ultimo quarto VelcoFin InterLocks getta sul campo tutta la sua grinta e il suo orgoglio: addirittura iscrive a referto 5 canestri da tre, ma non basteranno. Apre Zavalloni, ma risponde la solita Vincenzotti. Al 4° 52-58 (Gramaccioni da tre), ma il cecchino friulano risponde ancora con una tripla. Ci pensa una brava Kolar a riportare le compagne al minimo distacco a meno 4 (57-61 con tiro dalla distanza) al 6°.

E qui succede l’imponderabile. A spegnere le speranze vicentine ancora vive entra la più giovane di tutte, Anna Turel cl 2002, che con due triple seppellisce le illusioni vicentine.

VelcoFin InterLocks-Delser Udine 63-73 (15/18, 23/22, 8/16, 17/17)

VelcoFin InterLocks Vicenza: Olajide 5, Peric 11, Gramaccioni 11, Monaco 6, Luraghi ne., Zavalloni 5, Kolar 8, Profaiser 6, Mioni, Salvucci, Meroni 11, Sartore ne. All Carmelo Gorgone

Delser Udine: Turel 6, Vella 11, Ianezic 10, Ivas ne., Sturma 12, Bric, Vincenzotti 17, Pontoni, Ceccarelli 3, Thiam ne., Rainis 8, Vente 6. All Alberto Matassini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: