A1 donne Fip In primo piano

Cestiste incinta, 1200 euro. Vittoria di Ress e Yacoubou

L’Italia è indietro anni luce nella tutela delle madri che praticano sport a livello professionistico”. Così due anni fa Kathrin Ress (nella foto subito dopo la nascita di Sebastian nel 2012) e Isabelle Yacoubou, madre di Lulu, denunciavano a Il Fatto Quotidiano le difficoltà delle cestiste che diventano mamme: “Se un’atleta rimane incinta, non esiste nessuna tutela – aggiungeva Ress – ma si è costretti a saltare una stagione senza avere alcun aiuto”.

Ora Fip e LegaBasket Femminile hanno siglato l’11 dicembre un Protocollo di intesa che, per la prima volta nella storia della pallacanestro italiana, istituisce un fondo di solidarietà a favore delle atlete tesserate per le società partecipanti al campionato di Serie A1. Tutele che ci sono già da anni in altri paesi, come la Francia, dove il basket donne è considerato professionistico.

L’accordo prevede, per il corrente anno sportivo e per la stagione 2018-19, la corresponsione di un assegno mensile, fino ad un massimo di € 1.200, alle atlete in stato interessante per un periodo massimo di 5 mesi.

La battaglia delle due giocatrici simbolo del Famila Schio è servita.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: