A1 donne A2 donne Fip In primo piano

Memorie di Antonio Concato, perché l’autore unico è Roberto Pellizzaro?

Verrà presentato lunedì il libro intitolato “Antonio Concato, la leggenda del basket femminile. Quando Vicenza trionfava in Italia ed Europa”, con un saluto anche del sindaco Francesco Rucco.

L’autore che compare nella copertina stampata da SportEditore srl (la stessa del giornale cartaceo Sport Quotidiano distribuito gratuitamente anche nei palasport o allo stadio) è Roberto Pellizzaro, come più volte citato anche su Il Giornale di Vicenza nei lanci per il libro, l’ultimo condito dai ricordi sul campo in Basilica Palladiana di cui Concato era il più fervido testimone.

Tanto che lo storico presidente dell’AS Vicenza deceduto un anno fa (qui il nostro ricordo), aveva raccolto le sue memorie di 50 anni nella pallacanestro in un “malloppo” da lui scritto a mano e per il quale negli ultimi anni cercava qualcuno che avesse tempo e pazienza di metterlo in ordine e soprattutto trascriverlo al computer.

L’aveva chiesto dapprima a Marta Benedetti, giovane giornalista del GdV che da alcuni anni scrive della sua squadra; ma poi la scelta è caduta sull’attuale addetto stampa della società, Pellizzaro, oltre che storico della palla a spicchi berica.

Invece, però, di affiancare il suo nome a quello del personaggio che gli avrebbe fornito il materiale manoscritto, come avviene di solito in questo tipo di biografie, Pellizzaro compare come unico autore del libro, a cui andrebbero in toto i conseguenti diritti sulle vendite.

Sempre che il giorno dell’attesa presentazione non venga data una più chiara spiegazione del perché la firma unica, chissà nel frattempo se da lassù Antonio Concato, sempre attento su tutto ciò che veniva scritto sulla sua “creatura”, avrà ritagliato anche gli articoli sul libro in uscita.

Il suo libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: