In primo piano

Botta e risposta: l’ 1 vs 1 col prode Vigonesi

Alberto Vigonesi, collaboratore de Il Giornale di Vicenza, ci ha scritto una lettera in merito al nostro articolo intitolato “Buchi a canestro”. La pubblichiamo integralmente, (con a seguire la risposta del nostro direttore sotto) in modo che voi lettori possiate farvi un’idea dell’atteggiamento di questa persona e dei metodi della sua testata giornalistica, con un direttore, Luca Ancetti, che non ha nemmeno la sensibilità di rispondere a una mail spedita mesi fa.

Buonasera Edoardo,

ho letto quanto da te scritto sul tuo sito. E voglio puntualizzare alcuni punti:

– io non ti ho aggredito verbalmente, tanto che sono venuto io a presentarmi dopo che tu mi ha urlato alle spalle “per caso aspetti Silvestrucci?”

– sai anche tu di avermi ripetuto una bugia, dato che non è affatto vero che citi sempre la fonte i pezzi che riporti. E quando te l’ho chiesto, tu hai detto “metto la fonte”. Alla mia successiva domanda “dove, esattamente? sopra o sotto nella pagina?” tu non hai risposto cambiando argomento. Nel nuovo restyling del sito vedo hai approntato questa modifica. E ne sono felice.

– le virgolette su giornalista te le puoi risparmiare, dato che non mi conosci.

– di imbarazzante, oltre alla qualità della tua scrittura, c’è il comportamento, espresso con la già citata bugia e con le gratuite e scorrette insinuazioni

– in merito all’articolo agostano con gli argentini, è stato volutamente extra agonistico, su indicazione della redazione. Magari prima di accusare sarebbe cortese informarsi.

– veniamo al caso Kekovic. Credi di essere stato l’unico ad aver parlato con esponenti della società dopo la partita (e prima, nel mio caso ho chiacchierato anche prima dell’avvio)? E credi che solo a te vengano riportate le indiscrezioni? Ebbene, no. Non è stato inserito nel pezzo a corredo della partita per un semplice motivo di spazio ed è stato quindi pubblicato il primo giorno libero, ossia il successivo.

La prossima volta che abbiamo l’occasione di incontrarci al palazzetto gradirei delle scuse, dato che attacchi personali nei tuoi confronti non ne ho fatti. A differenza tua, dato che ti sei permesso di avanzare dubbi su di me prima ancora di avermi visto, dubitando delle mie competenze nel tuo commento al pezzo sugli argentini.

Io sono pronto a ricominciare da zero (che poi, ho avuto il piacere di parlare con te la bellezza di quanto, un minuto?), anche se da me non c’era alcuna pregiudiziale nei tuoi confronti (la mia attività principale è sul web, come te, non vedo perché dovrei farti la guerra). E tu?

In attesa di una risposta a questa mail, saluto

Alberto

Ecco la risposta del nostro direttore:

Buongiorno Alberto,

ti rispondo a questa mail, anche se avrei cose più importanti da fare:

– LaBaskettara non è solo un sito, ma una testata giornalistica registrata in tribunale, quindi un giornale

– ribadisco, tu mi hai aggredito in tono sgarbato, tirando in ballo il nome di Sara Marangon

– la fonte giornalistica, come ti ho ripetuto più volte l’altra sera, è sempre stata scritta nella pagina di presentazione news o minors, e vergonati a darmi del bugiardo

– mi confermi che non sei iscritto all’ordine, quindi le virgolette su “giornalista” sono appropriate

– caro professore di italiano e di morale, l’importante è che la mia scrittura la apprezzino i miei lettori sempre più in crescita; inoltre io non ho detto nessuna bugia e fatto nessuna insinuazione

– l’articolo sugli argentini l’hai firmato tu ed è ridicolo, come mi hanno fatto notare anche diverse altre persone

– su Kekovic hai preso un buco colossale, perchè una notizia del genere l’avresti messa in un box immediatamente, o con una riga inserita nel pezzo

– non ti devo nessuna scusa, e dopo una mail del genere le scuse le aspetto da te la prossima volta al palazzetto

Odio le “guerre”, ma sono stufo di ingiustizie.

Edoardo Andrein
direttore LaBaskettara.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: