In primo piano Minors

Quelle umili e selvagge minors

hqdefault (2)

C’è un basket “sotterraneo”, il pianeta delle minors, i campionati minori dove decine e decine di squadre vicentine e centinaia di giocatori mantengono viva la loro anima “baskettara”.

Un’altra stagione si è conclusa, dalle 12 squadre di seconda divisione, alla serie C del sorprendente Arzignano che ha lottato ai playoff al termine di una cavalcata, passata troppo spesso sottotraccia sui media locali, sempre sotto la guida da diversi anni di Marco Venezia, vice di Dalmasson nella Pallacanestro Vicenza della promozione in A2 negli anni ’90.

E poi c’è il sempre acceso campionato di Promozione, con il derby dell’Altovicentino nella finale conclusa pochi giorni fa in una folta cornice di pubblico al Pala Don Bosco di Schio e vinta con un avvincente 57-58 in gara 2 dal Malo (nella foto i festeggiamenti a centrocampo) dopo essere stato ampiamente in vantaggio durante l’incontro trascinato dai soliti Meneguzzo sotto i tabelloni e dai canestri di Panozzo.

Un pianeta quello delle minors raccontato in modo originale da seguitissime pagine Facebook come “L’umiltà di chiamarsi Minors” con diverse chicche divertenti; o in una trasmissione radio sul web messa in piedi quest’anno da alcuni giocatori vicentini “capitanati” da Michele “Mit” Cogno. Si chiama Wild Side Basketball, il lato selvaggio della pallacanestro, una chiacchierata ogni settimana che spazia dall’Nba ai campionati e alle realtà cestistiche locali, mandando in onda anche alcune dirette di partite dai campi di gioco.

Leggerezza e buon umore per trattare la palla a spicchi che rispecchia le caratteristiche della maggior parte del “mondo minors” dove, al termine di lunghe ore di lavoro o studio, ci si allaccia le scarpe come i professionisti, ma la pressione del risultato incide meno.

Quella che trasuda di più è l’enorme passione per il Gioco.

 

(guarda le news nella sezione dedicata alle minors maschili, femminili e alle giovanili)

0 commenti su “Quelle umili e selvagge minors

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: